Otoematoma in Cani e Gatti; Cause, Sintomi, Diagnosi, Trattamento, Prevenzione.

COSA È L’OTOEMATOMA

Il padiglione auricolare del cane e del gatto è costituito da una lamina cartilaginea sottile, anelastica, riccamente vascolarizzata e innervata; a seconda della specie e razza può presentare diverse forme e dimensioni.

L’otoematoma è una raccolta di sangue e siero che si forma improvvisamente all’interno della pinna auricolare, tra cartilagine e cute, a seguito di un processo infiammatorio importante o di un trauma che portano alla rottura dei vasi sanguigni presenti nel padiglione; si tratta di una condizione molto dolorosa per cani e gatti.

Foto: Otoematoma Canino

SOGGETTI PIÙ ESPOSTI

Soggetti con il padiglione auricolare molto esteso e pendulo sono maggiormente predisposti alla manifestazione di otoematoma.
L’insorgenza di otoematoma è più comune nel cane che nel gatto o in altre specie da compagnia di minori dimensioni.

GRAVITÀ

Senza un sollecito intervento medico l’Otoematoma in cani e gatti potrebbe portare a complicazioni estetiche non reversibili (il caratteristico orecchio “a cavolfiore”), ma anche a problematiche funzionali (restringimento del canale auricolare e maggiore probabilità di contrarre otite).

SINTOMI DI OTOEMATOMA

In caso di Otoematoma nel cane o nel gatto, l’orecchio si presenterà caldo, gonfio e dolente; prima di questo evento si potrebbero notare prurito nella zona interessata o violenti scuotimenti della testa dell’animale.

CAUSE DI OTOEMATOMA IN CANI E GATTI

La patogenesi dell’Otoematoma in cani e gatti non è ben chiara, ma vi sono diverse cause che possono scatenare il manifestarsi di questa patologia; tra queste si possono segnalare otiti esterne o medie, malattie infiammatorie o neoplastiche del condotto uditivo, ectoparassiti, allergie, traumi, patologie endocrine, malattie autoimmuni e immunomediate.

OTOEMATOMA IN CANI E GATTI: COSA FARE

In caso di presenza di Otoematoma nel cane e nel gatto è necessario contattare immediatamente un veterinario; il sanguinamento potrebbe non cessare e causare danni funzionali all’orecchio stesso. L’immediata applicazione di ghiaccio da parte del proprietario sulla zona può aiutare a dare sollievo all’animale e a far cessare il sanguinamento interno.

DIAGNOSI

Per avere una diagnosi di certezza è necessario eseguire un esame citologico sul prelievo del contenuto.
In fase diagnostica possono essere effettuate anche ecografie ed ecocolordoppler.

TRATTAMENTO

In caso di Otoematoma sono possibili diversi tipi di trattamento:

Drenaggio del sangue accumulato e infiltrazione locale di cortisonici associata a cortisonici sistemici (assunti quindi per via orale).
A questo trattamento, che ha una percentuale di successo del 50%, si associa sempre una terapia antibiotica e antidolorifica.

Drenaggio del sangue accumulato e infiltrazione di PRP (plasma ricco di piastrine) nella zona interessata.
Il PRP si ricava dalla centrifugazione del sangue del paziente stesso ed è ricco di fattori di crescita che favoriscono la cicatrizzazione e riducono l’infiammazione; essendo di natura autologa non porta a nessuno tipo di effetto collaterale.
Successivamente all’infiltrazione viene applicato un bendaggio compressivo.
Studi dimostrano che dopo due\tre infiltrazioni di PRP si riduce al minimo il rischio di recidive.

– Utilizzo di cortisonici assunti per via orale per un lungo periodo (28 giorni), con una percentuale di successo attestata da alcuni studi del 70/80%.

– La terapia chirurgica attualmente viene presa in considerazione solo nei casi più gravi; comporta incisione, drenaggio e applicazione di punti a favorire il ripristino delle aderenze tra cute e cartilagine.
In alcuni casi è necessario lasciare un drenaggio nell’orecchio del cane.
Si applica un bendaggio compressivo per impedire recidive e viene assegnata una terapia medica da continuare a casa.
Il post operatorio è doloroso e richiede attenzione e costanza da parte del proprietario.

PREVENZIONE

L’otoematoma può essere prevenuto in alcune situazioni trattando tempestivamente eventuali patologie sottostanti.

L’Autore dell’articolo

Dott.ssa Claudia Bassi

La Dottoressa Claudia Bassi ha all’attivo diverse esperienze formative e professionali, maturate in Italia e all’estero; ha svolto e svolge l’attività di volontario in varie associazioni che si impegnano nella tutela del Benessere Animale.

Summary
Otoematoma in Cani e Gatti
Article Name
Otoematoma in Cani e Gatti
Description
Otoematoma in Cani e Gatti; Cause, Sintomi, Diagnosi, Trattamento, Prevenzione.
Author
Publisher Name
Centro Veterinario Specialistico
Publisher Logo